TMT 2.0: pesare la velocità

Continuo il mio piccolo resoconto dello sviluppo della nuova versione di TMT, anche se ultimamente lo sviluppo è rallentato di parecchio per motivi lavorativi… Il calcolo della velocità istantanea potrebbe sembrare una cosa banale: prendo l’ultimo rilevamento, vedo quanto è lontano dal precedente in termini di spazio e di tempo, ci si butta un po’ di …

Ci rinuncio

Come avevo scritto qualche tempo fa, da qualche annetto sulla linea fissa  riceviamo telefonate da operatori di TeleTu (già Tele2) e Telecom Italia che ci comunicano le loro incredibili offerte commerciali. Solo da loro: già, perché il nostro numero non compare su nessuna guida telefonica ed è in possesso esclusivamente di questi due operatori, il primo …

TMT 2.0: gestire i rilevamenti

Quando si preme il tasto Start, si avvia il rilevamento della posizione: da qui in avanti, all’incirca ogni secondo l’applicazione riceve dal dispositivo un pacchetto di dati che includono latitudine, longitudine, altitudine, approssimazione orizzontale, approssimazione verticale, velocità e timestamp del rilevamento. Se presi così come vengono forniti, però, questi dati sono tutt’altro che affidabili. Per …

TMT 2.0: salvataggio e caricamento

Lo sviluppo della nuova versione di TMT procede alacremente. C’è un’infrastruttura più o meno funzionante che salva le posizioni rilevate in un oggetto il quale, oltre a una registrazione di tutto il percorso, contiene anche una serie di dati utili per evitare di doverli ricalcolare a ogni rilevamento (velocità istantanea/media/massima, altitudine istantanea/massima/minima,  e così via). …

Bastava svitare

Quasi un anno fa il mio ormai glorioso MacBook Pro 15″ di fine 2009 ha iniziato a dare qualche problema: da sempre, quando smettevo di usarlo mi limitavo a chiuderlo mandandolo in sleep, ma ultimamente, quando lo riaprivo, in qualche raro caso non voleva saperne di risvegliarsi. Per poterlo utilizzare dovevo forzare lo spegnimento tenendo …

Hosting migrato!

Ed eccoci qua, un altro ex-dominio di Tophost felicemente migrato altrove. Posto che di Serverplan sono sempre stato soddisfatto (è l’hosting su cui abbiamo spostato minimo, anche lui da Tophost), resta il fatto che comunque andasse, non si poteva sicuramente peggiorare.

WordPress e l’utente admin

WordPress è una piattaforma bellissima. È potente, versatile, e lo usano un sacco di persone in tutto il mondo. Una delle cose che non capisco, però, è perché in fase di installazione insista a suggerire il valore predefinito admin al primo utente (amministratore) creato, invece di costringere chi sta eseguendo l’installazione a inventarsi uno username difficile …